STRATO’S
“Lo Sbirro, La Liceale, Il Maniaco”

Difficile dare un giudizio oggettivo netto sulla particolarità di questa proposta proveniente dal quintetto originario di Parma denominato Strato’s. Non tanto per le capacità strumentali e compositive dei nostri, che son infatti a dir poco impressionanti per la loro capacità di ricostruire in maniera assolutamente credibile il mood generato dalle colonne sonore dei tipici film italiani degli anni settanta, attingendo in particolare dal filone poliziesco (lo sbirro), commedia sexy (la liceale) e thriller (il maniaco). Infatti, gli stessi Strato’s si definiscono una sorta di tribute band che, a partire dalle cover di diversi temi sonori, sono arrivati poi a crearne di propri in maniera talmente filologicamente perfetta che potrebbero essere tranquillamente scambiati per degli originali dell’epoca. Gli unici piccoli difetti di questo loro debutto, “Lo Sbirro, La Liceale, Il Maniaco” appunto, sono essenzialmente due: in primis, la decisione di voler spezzare in tre tronconi il disco, mettendo in primo piano il loro talento e la loro ecletticità compositiva, a discapito di un fattore come l’omogeneità del lavoro stesso; secondo, e qui si potrebbe discutere a lungo, la loro volontà di aderire perfettamente agli stilemi musicali dell’epoca e di genere, con il rischio di veder mascherata la loro personalità. Eppure, nonostante ciò, il disco spacca veramente. Non c’è un brano che non rimanga scolpito in testa. Sia la parte dedicata al poliziesco, fatta di trame di basso incalzanti e di sonorità ricche di tensione, che quella relativa alla commedia sexy all’italiana, dove gli Strato’s mettono in scena un quadro di sonorità molto variegate, che van dalla reinterpretazione del Surf (“Un Goffo Pretendente”) a momenti più soft e languidi, che non possono non far tornare alla mente gli spogliarelli della Fenech o della Guida visti da ragazzini. Eppure, il meglio del disco arriva con le conclusive “Chipsiomega” e “Delirio Paranoide”, dove la band, pur strizzando l’occhio agli immancabili Goblin, tira fuori dal cilindro due brani veramente incredibili, ricchi di tensione e pieni di interessanti scambi strumentali tra i vari componenti. Insomma, anche se questo “Lo Sbirro, La Liceale, Il Maniaco” è un vero e proprio debutto, in realtà sembra quasi di trovarsi tra le mani un best-of del gruppo. Per le prossime uscite, sarebbe veramente interessante vedere i nostri alle prese con un solo genere cinematografico, costruendo, perché no, una vera e propria colonna sonora di un film fittizio, mostrando in questo modo pienamente la loro personalità.

BRIEF COMMENT: Strato’s is an italian act that wants to recreate the original sound and groove of the soundtrack of the italian ’70s movies. In this debut, “Lo Sbirro, La Liceale, Il Maniaco”, the band shows us three different cinematographic genres, starting from the pumping basses of Crime Movie, passing through a couple of light tracks describing Sexy Commedy and ending with two incredible tracks dedicated to Thriller. Well done!

Contatti: Facebook
Etichetta: Retro Vox Records
Anno di Pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. La Soffiata; 02. Western Metropolitano; 03. Irruzione a Monteverde; 04. Aperitivo; 05. Un Goffo Pretendente; 06. Rossella; 07. Chipsiomega; 08. Delirio Paranoide; 09. Titoli Di Coda
Durata: 35:23 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.