OAKS OF BETHEL
“River Of Tears”

Come già scritto nell’ultima recensione dedicata agli Oaks Of Bethel, “River Of Tears” è il naturale seguito di “Lakes In The Dry Season”, il cui approccio viene ulteriormente estremizzato pur mantenendo il medesimo sound. Infatti, eccetto che per un breve passaggio dove compaiono le tipiche chitarre acustiche strimpellate dei Njiqahdda ed un finale di totale silenzio riempito giusto da qualche delicato field recordings, i ritmi sono martellanti e senza respiro, ma dal cui muro sonoro emergono semplice e ripetitive frasi sonore, credo eseguite con i synth, creando un effetto che ti manda totalmente in pappa il cervello. Ad un certo punto sono quasi convinto che si senta anche il rumore di un aereo di passaggio, il cui rimbombo si va a sommare al caos di fondo, creando un effetto di totale alienamento verso il povero ascoltatore. Insomma, “River Of Tears” è un brano totalizzante, che deve essere vissuto più che ascoltato. Con queste parole, chiudiamo temporaneamente le recensioni qui dedicate all’annata del 2013, per poi riprendere il racconto dell’anno ad Aprile, e poi chiuderlo con le tradizionali recensioni agostane. Detto questo, non mi resta che farvi i rituali auguri di buon 2022.

Contatti: Bandcamp
Etichetta: EEE Recordings
Anno di Pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. River Of Tears
Durata: 39:56 min.

Autore: KarmaKosmiK

OAKS OF BETHEL
“Lakes In The Dry Season”

“Lakes In The Dry Season” si potrebbe definire quasi un punto di svolta nella discografia degli Oaks Of Bethel. Certo, lo stile è sempre il loro Black Ambient che abbiamo imparato a conoscere, oltre che ad amare o odiare a seconda dei casi, nel corso di questi anni di recensioni dedicate alla loro enorme discografia, ma in questo caso sembra che il progetto abbia finalmente trovato il proprio sound.  Infatti, il wall-of-sound che contraddistingue le loro produzioni sin dagli esordi si rende più rifinito e compatto, generando un effetto ipnotico, che verrà maggiormente esplorato nel successivo e gemello “River Of Tears”. Per il resto, nei suoi quaranta minuti di durata, abbiamo il muro di chitarre sorretto da un instancabile batteria in sottofondo, a cui si alternando sporadici passaggi in mid-tempo che danno modo all’ascoltatore di respirare un pochettino. Certo, continuo a ritenere la sua durata troppo esagerata, ma non posso nascondere di essermi approcciato all’EP in maniera decisamente positiva.

Contatti: Bandcamp
Etichetta: EEE Recordings
Anno di Pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Lakes In The Dry Season
Durata: 38:30 min.

Autore: KarmaKosmiK

NJIQAHDDA
“Initiation”

“Initiation” si differenzia molto dal tipico EP che la band fa normalmente uscire fuori immediatamente dopo ad un full-lenght importante, dove vengono proposte una manciata di tracce aventi il medesimo stile proposto in quella uscita. Infatti, “Initiation” mostra delle variazioni già nell’organizzazione della scaletta, dove tre strumentali, il terzetto “Elder Oceanus”“Skyadh”“Etherisis”, vanno ad alternarsi a due soli brani cantanti, ossia “Initiation Human And Solar” e “Cosmic Fire In Seven Rays”, mostrando una notevole varietà di stile. Infatti, l’opening track e quella di chiusura, dove prevalgono field recordings e delicate manipolazioni sonore, potrebbe tranquillamente essere un brano dei Njiijn, mentre la lunga “Skyadh” potrebbe arrivare direttamente dal ripescaggio di alcune sessioni di registrazioni del controverso “Disciples Of The Flames (Agni Yoga)”. Continua a leggere

TOFUSTAGGERBUSH
“Astro-9”

Dietro il curioso nome di Tofustaggerbush si nasconde un musicista di stanza a Berlino appassionato di musica classica ed elettronica, capace di rilasciare nel corso di un quindicennio, e quasi sempre sotto forma di autoproduzione, una sessantina di pubblicazioni, mostrando una capacità produttiva da fare invidia ai Njiqahdda dei tempi d’oro. Il qui recensito “Astro-9” è il primo delle quattro uscite rilasciate in questo 2021 ormai in scadenza, e mostra quindici tracce strumentali che spaziano senza soluzione di continuità dalla Chillwave all’Outrun, da partiture più vicine all’Ambient fino ad una elettronica di chiara discendenza kraftwerkiana. Tra l’altro, forse sono io che ho le traveggole, ma ogni tanto riesco anche a percepire qualcosa dei Depeche Mode, trovando il caso più evidente nella linea di synth iniziale di “Footsteps”, che sembra quasi voler fare il verso alla famosissima “Behind The Wheel”.  Comunque sia, a parte le varie influenze che possiamo scovare all’interno della musica di Tofustaggerbush, “Astro-9” è un disco senza dubbio piacevole, rilassante nei suoi suoni retro, probabilmente troppo lungo, ma il suo vero problema è che i suoi brani sembrano rimanere un po’ fini a sé stessi. Continua a leggere

DAY BEFORE US
“As My Spirit Wanders Free”

Con i Day Before Us ho sempre avuto un rapporto speciale, “Prélude à l’âme D’élégie” ed “Ode À La Nuit D’Ombre” sono stati due lavori a dir poco fantastici, capaci di finire anche nelle mie classifiche di fine anno, dal momento che la loro Dark Wave dalle tinte neoclassiche è per il sottoscritto un vero portale per altri mondi fantastici, dove l’unica azione da compiere è quello di mettere un bel paio di cuffie e scacciare via il disturbante mondo reale. Tuttavia, nell’ascoltare questo nuovo “As My Spirit Wanders Free” non nascondo di aver avuto diversi problemi nel trovare una chiave di accesso sicura. Forse settembre non era il mese più indicato per iniziare il suo ascolto, impegnato com’ero nella tumultuosa e caotica ripresa delle attività lavorative dopo la sospensione agostana, ma ritengo che forse ci sia in ballo qualcosa di più. Continua a leggere