Fractal Generator
“Macrocosmos”

Nonostante ritenga Fractal Generator un nome piuttosto fico per una band al punto da aver attirato la mia attenzione, dall’altra la possibilità di avere tra le mani l’ennesimo gruppo di onanisti strumentali era davvero alta. Fortunatamente il terzetto canadese evita di cadere in questa mia previsione, optando per un Death Metal cupo e oppressivo, estremamente debitore di pilastri del Death americano quali Morbid Angel e Nile, nel quale i synth fungono da vera e propria quarta dimensione, fornendo ai brani di questo “Macrocosmos” quelle atmosfere Sci-fi promesse dalla bella cover. Infatti, alla base di questo lavoro c’è la storia di un gruppo di astronauti che, durante un viaggio verso un distante sistema solare, scoprono la vera natura dell’intero universo e della propria esistenza. Un concept solido ed anche discretamente interessante, soprattutto per coloro, che come il sottoscritto, sono amanti di questo tipo di tematiche. Continua a leggere

DÉLÉTÈRE
“De Horae Leprae”

Senza voler addentrarmi in scomodi paragoni, da parecchi anni a questa parte la scena Black Metal canadese, specie quella di matrice francofona, ha raggiunto livelli di tutto rispetto sfornando diverse realtà parecchio interessanti, come testimoniato più volte su queste stesse pagine. Questa volta è il momento di concentrare la nostra attenzione sui Délétère, un duo attivo da una decina d’anno, in cui troviamo tra l’altro Atheos dei Monarque, che sembra avere un debole per il latino ed i morbi pestilenziali che flagellavano la popolazione medievale. Titoli come quello dell’album di debutto, “Les Heures De La Peste”, o dell’EP che me li ha fatti conoscere, “Per Aspera Ad Pestilentiam”, sono più che una dichiarazione d’intenti, e questo “De Horae Leprae”, con buona pace di Cicerone (ma sono in ottima compagnia), ne è la naturale continuazione. Continua a leggere

LIVE REPORT – GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + THIS WILL DESTROY YOU
Villa Ada (Roma) – 04/07/2018

A distanza di poco meno di un anno torno a vedere dal vivo l’ensemble canadese dei Godspeed You! Black Emperor, ma in questa occasione a far da cornice al loro incredibile magma sonoro c’è la magnifica cornice verdeggiante di Villa Ada, che oltre a garantire un buon impianto sonoro, fornisce un ottimo rimedio all’afa estiva romana. Arrivato a destinazione qualche minuto prima delle nove, il tempo di raggiungere l’isolotto che da anni ormai ospita la rassegna “Villa Ada incontra il mondo”, mettersi in fila per i biglietti e entrare in zona concerto, ed ecco che un drone di chitarra inizia a spandersi per l’aere. Non essendomi affatto informato sulla presenza di eventuali band di supporto, scopro con mia grande sorpresa che a dividere il palco coi nostri ci sono nientemeno che i texani This Will Destroy You. Continua a leggere

ULVESANG
“The Hunt”

Anche se non si tratta certo di uno tra i generi che ascolto più frequentemente, devo ammettere che chissà per qualche motivo ho sempre un occhio di riguardo verso le richieste Neofolk che ci arrivano, nonostante finisca per recensirle di rado perché il più delle volte l’impressione è quella di trovarmi di fronte a dei musicisti, magari anche talentosi, ma che non riescono a trasmettermi altra sensazione che non sia quella del già sentito. Nel caso degli Ulvesang, un duo canadese formato da Alex Boyd e Ana Dujakovic, il monicker molto “nordico” ed inflazionato non sembrava lasciare spazio a molta personalità, come poi è invece emerso dai solchi di questo loro secondo album intitolato “The Hunt”. Continua a leggere

AUGURY
“Illusive Golden Age”

Come credo di aver già avuto modo di raccontare in qualche altra recensione, ho ormai la tendenza a preferire sempre più cose semplici e d’impatto, e di rimanere sempre meno affascinato da gruppi che suonano nei tempi composti più allucinati che esistano. Per ovvi motivi, da questo escludo i due pilastri della mia esistenza, ossia i King Crimson, che andrò a breve a rivedere in quel di Roma a fine luglio, e la buon’anima di Frank Zappa. Ma loro giustamente trascendono l’umano ed è quindi peccato anche solo giudicarli. Tornando a tema, non è che mal sopporti i musicisti ultra-dotati, capaci di macinare scale e leak di chitarra, ma è che poi stringi stringi, non è che rimanga molto della loro musica. Tra l’altro, nel corso degli ultimi anni, la capacità tecnica dei musicisti è andata aumentando esponenzialmente, ma a questo non è seguita una vera e propria ondata di rivoluzione in ambito Metal. Quello che voglio dire è in sostanza che alla parola tecnica, non corrisponde ahimè in automatico un’altrettanta buona capacità compositiva. Tuttavia, ero comunque curioso di ascoltare questi Augury. Continua a leggere