NERATERRÆ
“The NHART Demo[n]s”

Dopo l’ottimo album d’esordio del solo project La Tredicesima Luna, autore d’un affascinante Dark Ambient dai toni fiabeschi, passiamo a parlare di una altra realtà nostrana sulla carta decisamente interessante, i Neraterræ. Dietro questo monicker altrettanto evocativo, si cela anche in questo caso un’unica mente che risponde al nome di Alessio Antoni. Sebbene “The NHART Demo[n]s” sia a tutti gli effetti l’esordio discografico del progetto, tra l’altro disponibile gratuitamente al download su Bandcamp, in realtà i brani in essi contenuti provengono da tre diversi demo mai pubblicati, registrati tra il 2009 ed il 2010 sotto il nome Nhart. Possiamo quindi vedere questo lavoro come una sorta di antologia, o meglio ancora un percorso sonoro, che Alessio ha percorso nel corso di questi ultimi anni. Continua a leggere

RABID DOGS
“Italian Mysteries”

Dopo essermisi rotto lo stereo ad inizio dell’anno, continuo le mie disavventure tecnologiche con la rottura del mio tablet cinese, comprato soltanto lo scorso novembre. Avevo scommesso molto sulla tecnologia asiatica a basso prezzo, ma mi sa che la mia sfiga con la tecnologia ad ora è fin troppo potente. Fortunatamente, ad incanalare queste mie varie incazzature ci hanno pensato questi tre maledetti cani arrabbiati, provenienti dal piccolo paesino di Atessa, che con questo “Italian Mysteries” sganciano una bomba sonora di dimensioni apocalittiche. Da vero appassionato di gialli, non potevo che essere immediatamente attratto dalla loro cover, ricordante in maniera evidente la mitica collana dei gialli Mondadori. Continua a leggere

LA TREDICESIMA LUNA
“Il Sentiero Degli Dei”

Un esordio davvero molto interessante questo “Il Sentiero Degli Dei” del progetto La Tradicesima Luna, un monicker evocativo dietro a cui si cela il lavoro solista di Matteo Brusa. Pubblicato in un elegante tape dalla label americana Lighten Up Sounds, questo “Il Sentiero Degli Dei” è un vero e proprio percorso iniziatico nel quale il minimale ma estremamente curato lavoro di synth riesce a dipingere scenari notturni e fiabeschi. Delle vere e proprie immagini sonore, nelle cui pieghe sembrano potersi annidare strani esseri fantastici pronti a scrutarci e spiarci durante questo nostro cammino. Continua a leggere

AFRAID OF DESTINY
“Agony”

Nato inizialmente col nome di Vitam Nihil Est nel febbraio del 2011, il progetto del polistrumentista veneto Adimere, si è sviluppato in maniera più concreta solamente un anno dopo, con il cambio di monicker nell’attuale Afraid Of Destiny. In tale nuova forma, Adimere rilascerà nel 2013 ben tre lavori: un demo, uno split a tre nel quale sono state inserite anche le prime registrazioni sotto il nome di Vitam Nihil Est e l’altro suo progetto Neoclassical Suicide, nonché il primo full-lenght dal titolo “Tears Of Solitude”. Ci vorranno poi altri quattro anni per portare a compimento questo “Agony”, sebbene Adimere abbia comunque continuato a pubblicare del nuovo materiale, di cui cito giusto lo split fatto insieme agli About Abortions, nostre vecchie conoscenze su queste pagine. Continua a leggere

CHAOS AND TECHNOCRACY
“Chaos And Technocracy”

Credo di aver già scritto quanto mi piaccia andare alla riscoperta di vecchie e poco conosciute realtà musicali, soprattutto italiane, che negli anni ’90 si sbattevano senza sosta per trovare un canale di sfogo alla loro musica. Purtroppo, a prescindere dalla qualità che ognuno si porta in dote, era già tanto se si riusciva a trovare una etichetta che ti permettesse di pubblicare qualche demo od EP. L’Italia, lo sapete certamente meglio di me, non era di sicuro un paese facile dove poter suonare Metal. Oggi è indubbiamente più facile registrare un demo, basta un pc decente, e metterlo in mostra tramite le varie risorse di internet. Eppure, son convinto che se si avesse la possibilità di andare a spulciare tra vecchi demo e registrazioni di quell’epoca, salterebbe ancora fuori qualche piccolo gioiello nascosto. Continua a leggere

PAUL CHAIN
“Container 168 – Master Of All Times”

Uscito originariamente nel 2001 per conto della label veneta Andromeda Relix, “Container 168 – Master Of All Times” è il risultato di un’intensa seduta di improvvisazione avvenuta il 30 ottobre di due anni prima. Il buon Paul, qui nelle vesti di Paul Chain The Improvisor, decide di metter da parte la sua chitarra per dedicarsi esclusivamente all’organo Hammond e alle tastiere. A partecipare a queste intense session d’improvvisazione, infatti il termine container veniva usato da Paul per organizzare le sue diverse sedute di registrazione, troviamo un ristretto gruppo di musicisti, ossia il flauto etereo di Anna Auer, presente anche insieme a Paul nelle splendide session fotografie stile liberty del booklet, la precisa batteria di Danilo Gabanelli, e lo spettrale violino di Filippo Rollando, il cui suono sembra voler ricreare in diversi passaggi quello di una chitarra elettrica. Ovviamente questa particolare line-up non poteva che creare qualcosa di assolutamente diverso da quanto normalmente proposto dal maestro pesarese. Continua a leggere

INTERVISTA VEXOVOID – Band

Tra le sorprese più interessanti dell’anno appena trascorso ci sono sicuramente i Vexovoid, che con il loro debutto sulla lunga distanza “Call Of The Starforger” hanno dimostrato di saperci fare alla grande e di avere tutte le carte in regola per lasciare il segno. Inevitabile quindi andare ad approfondire la loro conoscenza con questa piacevole chiacchierata. Continua a leggere

BURNING GROUND
“Last Day Of Light”

Aspettare ben sedici anni per riuscir a realizzare il primo full length, indipendentemente dalla qualità finale del prodotto, è senza alcun’ombra di dubbio un grande risultato per qualunque band. Pur non conoscendo la storia dei sardi Burning Ground, la loro tenacia di portare avanti questo progetto nella loro bellissima e difficile terra, basta da sola a guadagnare tutto il mio rispetto. A supportare la band capitanata dal talentuoso vocalist Maurizio Meloni, troviamo la sempre attenta Minotauro Records, che dopo le bizzarre uscite di Tele.S.Therion e Flames Of Genesis, torna a pescare nel genere che più la contraddistingue, ossia il caro e vecchio Heavy Metal. “Last Day Of Light” contiene sei tracce, oltre a due brevi strumentali poste in apertura e chiusura del disco, di puro e scintillante Power Heavy di chiara matrice americana, avente come principali riferimenti Iced Earth e primi Savatage. Continua a leggere

LACOLPA
“Mea Maxima Culpa”

Se proprio dovessi scrivere di getto un pensiero relativo al debutto sulla lunga distanza di questo gruppo a nome LaColpa, mi limiterei banalmente a descrivere la sua cover. La loro musica è tutta racchiusa in quella specie di ectoplasma/vomito che viene espulso dall’enigmatica donna ritratta in copertina. Un magma nero contente tutto il nostro male di vivere, ricco di debolezze e malignità, che si espande senza alcun limite, come in una sorta di catarsi o purificazione interiore, lungo i quaranta minuti scarsi di questo debutto intitolato “Mea Maxima Culpa”. Continua a leggere

PAUL CHAIN
“Life & Death”

Che cosa aggiungere a “Life & Death” che non sia stato ancora detto nel corso degli anni? Pur essendo il primo LP pubblicato utilizzando solo il proprio nome, “Life & Death” viene considerato da molti come il punto più alto mai raggiunto dal chitarrista marchigiano. Non so se questo sia vero o no, per quanto mi riguarda continuo a rimanere totalmente incantato dal successivo “Violet Art Of Improvisation”, ma è davvero innegabile che in questo lavoro il buon Paul riesca a sintetizzare al meglio tutte le sue infinite influenze e ricerche musicali, pur mantenendo sempre in primo piano la forma canzone. Continua a leggere

CHELIDON FRAME
“(Null) Point Ex_”

Era da un po’ di tempo che non avevo più notizie di Alessio Premoli e del suo progetto Ambient a nome Chelidon Frame, quand’ecco giungermi la richiesta di recensione per questo breve EP digitale dall’indecifrabile titolo “(Null) Point Ex_”. Rilasciato in autoproduzione la scorsa estate e disponibile gratuitamente sulla pagina Bandcamp del progetto, il nuovo lavoro mostra solamente due nuove composizioni, con la title-track nata nel corso di una specie di happening artistico a Milano, nel quale veniva richiesto di creare qualcosa relativo al tema della luce in relazione al maestro Anton Bruckner. Continua a leggere

MAERORMID
“XIII”

Ad oramai cinque anni da “Zenit”, tornano sulle nostre pagine col loro secondo lavoro sulla lunga distanza i perugini Maerormid, una band che non ha mai fatto dell’immobilismo sonoro la propria cifra stilistica. In questo loro vecchio/nuovo “XIII”, si tratta infatti di un album uscito nel maggio 2016 ma ripubblicato di recente dalla label polacca Via Nocturna, i nostri si addentrano in lidi Black/Doom in cui compaiono anche vaghe influenze Death alla primissimi Katatonia, quando non ascendenze dal sapore Dark Ambient. L’idea di ricorrere anche all’ausilio di un violino per accompagnarci in questo viaggio in cui a farla da padrone sono le sonorità cupe e soffocanti si rivela, se non originale, quantomeno efficace nel dare al tutto quel tocco in più di inquietudine e di malata atmosfera, non suonando infatti come un abbellimento pomposo ma avvicinandosi più agli stranianti lamenti, passatemi il termine, riproducibili con un theremin. Continua a leggere

TELE.S.THERION
“Luzifers Abschied”

Non serve che sto qua di nuovo a menarvela sulla mia innata curiosità e sul fatto che, in questi anni di attività su questa ‘zine, ho sempre dimostrato di essere di mentalità totalmente aperta verso ogni genere musicale che suscitasse il mio interesse. In molti dei casi in cui non riuscivo a comprendere il senso di quel che stavo ascoltando, ho sempre preferito fare un passo indietro, fare solamente una descrizione per quanto possibile oggettiva di quanto ascoltato e chiuderla lì, lasciando così il cerino in mano ad un ascoltatore interessato. Tutto questo si ripeterà anche nel caso di questo “Luzifers Abschied” del collettivo musicale denominato Tele.S.Therion e prodotto dallo stesso Marco Melzi per la sua etichetta Minotauro Records. Continua a leggere

CRUELTY FORCE
“Cruelty Void”

Capisco che in un panorama ormai dominato da produzioni sempre più perfette e plasticose, molti gruppi tendano a tornare ad un suono più “nudo e crudo” con il quale rivendicare la propria integrità stilistica e musicale. Ma nel caso dei qui presenti Cruelty Force credo proprio che ci si sia spinti un po’ troppo oltre. Infatti, il duo romano formato da Angelo (chitarra e voce) e Mario (batteria) nel loro voler presentare la propria interpretazione di uno Speed/Thrash venato da qualche passaggio Black, in questa demo autoregistrata ed autoprodotta “Cruelty Void” hanno scelto di adottare un sound assolutamente grezzo e spartano, che ricorda da vicino alcune demo/rehearsal degli anni ’90 che si ascoltavano più per fare i completisti di qualche determinata band, che per vero e proprio merito musicale. Continua a leggere

VEXOVOID
“Call Of The Starforger”

Il confine tra manierismo e rilettura personale dei canoni di un certo genere è spesso molto labile e di ardua individuazione. Non posso quindi negare che mentre stavo ascoltando i primissimi minuti di questo “Call Of The Starforger”, esordio sulla lunga distanza per gli italiani Vexovoid, il timore fosse quello di trovarmi alle prese con una band appiattita sulle posizioni dei Vektor di “Terminal Redux”. Se già il loro monicker pareva infatti una crasi neanche troppo velata tra quello della band americana e quello dei Voivod, i titoli e le tematiche sci-fi sembravano proprio far pensare di trovarsi di fronte alla versione italiana della creatura di David DiSanto. Continua a leggere

A PALE DECEMBER
“The Shrine Of Primal Fire”

Sarà che il loro monicker mi evocava quei “Pale Folklore” e “Requiem Of December” che, pure nella loro diversità, ho sempre amato o forse, più poeticamente, sarà che pareva esser perfetto per descrivere quel giorno in cui li ho ascoltati per la prima volta, fatto sta che mi ero fatto, più o meno inconsciamente, parecchie aspettative su questi A Pale December, un giovane duo milanese nato e portato avanti da Riccardo “Korpsvart” Di Bella ed Ernesto “Ymir” Ciotola. Quando questo accade, il rischio di rimanere deluso si nasconde sempre dietro l’angolo, specie se ci si trova alle prese con il debutto sulla lunga distanza di una band che si cimenta in uno tra i generi più inflazionati da un po’ di anni a questa parte, ovverosia l’Atmospheric Black Metal. A dispetto di tutto ciò, questo “The Shrine Of Primal Fire” va invece nella direzione opposta, rivelandosi un full length sì derivativo, ma solido e completo sotto parecchi punti di vista. Continua a leggere

PAUL CHAIN VIOLET THEATRE
“Detaching From Satan”

“Detaching From Satan” è il primo tassello della sterminata discografia di Paul Chain dopo la sua fuoriuscita dai mitici Death SS, nonché il punto di partenza della gloriosa label Minotauro Records, fondata dal chitarrista pesarese insieme a Marco Melzi. In questa sua nuova incarnazione, Paul mette subito in chiaro le cose, volendo cambiare completamente pagina abbandonando, come da titolo, il satanismo per l’antica filosofia della morte o magia viola, di cui e’ stato più o meno inconsciamente un fedele seguace. Le scarne note di copertina evidenziano anche come l’obiettivo del nuovo collettivo dei Violet Theatre sia quello di creare un’entità musicale libera di poter sperimentare senza porsi limiti di sorta. Continua a leggere

FRANCESCO MARIA NARCISI & GIACOMO FIDANZA
“The Accordion Sessions”

Manipolare elettronicamente i suoni prodotti da una fisarmonica cromatica ed ottenere da essi un muro sonoro dalle tinte post-industriali, è questo l’ambizioso obiettivo che si sono prefissati i due musicisti coinvolti in questo progetto e che ha portato alla realizzazione di “The Accordion Sessions”. Un lavoro piuttosto arduo non solo da ascoltare, ma anche e soprattutto da recensire per il sottoscritto. In questi casi, quello che posso semplicemente fare è lasciarmi andare alle sensazioni, ed attraverso di esse provare a dare a voi ascoltatori un’idea del lavoro. A livello di fruizione, il disco si ascolta molto bene, i droni creati da Francesco Maria Narcisi, di cui tempo fa recensii il debutto dell’altro suo progetto Neutra, sono delicati e dal sapore quasi agreste. Continua a leggere