KINGNOMAD
“Sagan Om Ryden”

Nonostante questo “Sagan Om Ryden” sia il terzo lavoro di questi Kingnomad, quattro se consideriamo anche demo\promo “The Green Meadow”, devo ammettere di non averli mai inquadrati dentro il mio radar. Un vero peccato, mi verrebbe da dire, visto che è un bastato un solo ascolto dell’opener “Omniverse” per attirare la mia attenzione. La prima associazione che è saltata fuori in maniera molto naturale è stata quella dei canadesi Black Mountain, vista la comune capacità di associare una ritmica decisamente Rock ad un contesto decisamente space/psichedelico. Questa assonanza emergerà a più riprese nel corso del disco, ma rispetto agli autori dello stupendo “IV”, i Kingnomad mostrano anche un lato più progressivo, che corre dai più recenti Opeth, la cupezza di “Small Beginnings” è figlia diretta del buon Mikael Åkerfeldt, fino al Progressive settantiantiano di stampo canterburyiano. Eppure, nonostante questo, i Kingnomad rimangono un gruppo essenzialmente psichedelico, più attenti a costruire atmosfere raffinate e rilassanti, evocatrici di immensi scenari spaziali. Continua a leggere

GIÖBIA
“Plasmatic Idol”

Che la Heavy Psych Sound abbia assunto ormai da tempo un ruolo apicale nell’ambito della musica Stoner\Psych è bello che risaputo, ma trovarsi sin da subito tra le mani un possibile candidato a disco dell’anno di questo disgraziato 2020 già al primo colpo, è robba da togliersi subito il cappello dalla testa. C’è veramente poco da fare, questo nuovo lavoro dei lombardi Giöbia è, per dirlo con le parole dei “ggiovani” veramente tanta ma tanta robba. “Plasmatic Idol” è un coloratissimo viaggio che si snoda in maniera sinuosa tra le fattanze dello Psych e Space Rock proveniente direttamente dagli anni Sessanta/Settanta, nel quale non mancano delicati spruzzi di Progressive, elettronica tedesca e momenti ai limiti della Synthwave, come avviene nell’opener “Parhelion”. Continua a leggere

NJIQAHDDA
“Nortii Maatu”

Terminiamo questa prima parte della carriera dei Njiqahdda con il parlare del singolo “Nortii Maatu”, uscito nel novembre del 2007 in una edizione ultralimitata a soli otto esemplari. Ovviamente non sono uno dei fortunati otto acquirenti, anche perché tale traccia verrà poi ripresa come opener del celebrato “Nji. Njiijn, Njiiijn.”, che uscirà nel giugno dell’anno successivo. Onestamente, non conosco nemmeno se vi sia qualche differenza sostanziale tra le due versioni, ma considerando che tale traccia non è presente in nessuna delle varie discografie della band presente sul Bandcamp della E.E.E. Recordings, posso solo suppore che possegga una produzione più grezza e meno curata rispetto a quella del full-lenght. Tuttavia, questo singolo è utile per anticipare quello che avverrà con le uscite dell’anno successivo. Infatti, con questo “Nortii Maatu”, il duo americano si rimette in scia a quanto fatto con “Aartuu Mortaa” e “Njimajikal Arts”, ossia riallacciare le radici Black degli esordi con la vena psichedelica esplosa con il celebrato terzo disco. Continua a leggere