THE ORDER OF THE SOLAR TEMPLE
“The Order Of The Solar Temple”

Recuperare i legami esoterici e occulti che aleggiavano nel Rock e nel Metal negli anni ’70 è quello che vuole ottenere il polistrumentista canadese Matt “Macabre” Emery con questo nuovo progetto musicale che prende in prestito il nome da una delle più controverse sette di quel periodo (vi rigiro il link a Wikipedia per un breve approfondimento). Nella presentazione al disco fornita dalla I, Voidhanger Records, vengono citati importanti nomi come Blue Öyster Cult, il nostrano Paul Chain e persino i Mercyful Fate, al punto tale che non si può non rimanere incuriositi da quanto possa saltare fuori dai solchi di questo debutto. Mettendo un attimo da parte i testi a sfondo esoterico/occulto, a livello musicale ci troviamo di fronte un rigoroso alternarsi tra brani più rockeggianti ed effervescenti come l’opener “Fallout Woman” o la Kisseggiante “The Cult (Of Rock And Roll)”, ed altri invece maggiormente ragionati e nei quali si fanno più evidenti le tonalità oscure e misteriose. Un esempio potrebbe essere “Jervas Dudley”, fortemente influenzata dalla band di King Diamond, un pezzo nel quale si alternano passaggi NWOBHM, rallentamenti Doom, passaggi acustici e persino una coda Country. La produzione è orientata su sonorità decisamente retrò, con una distorsione moderata sulla parte ritmiche, ma in grado di infuocarsi per bene sugli assoli di chitarra di Emery. Ottima la sezione ritmica, che pur non eccedendo in preziosismi di sorta, è in grado dare groove e sostanza alle parti più movimentate (un ottimo esempio in questo senso è “Pale Horse”), ma ancor più interessante è la voce di Emery, dalle tonalità calde e graffianti, un po’ alla Dave Coverdale se vogliamo. Insomma, c’è veramente tanta carne al fuoco in questo debutto dei The Order Of The Solar Temple, oltre che un indugiare troppo su sonorità passate di chiara estrazione Rock/Hard Rock americana (il fantasma dei Deep Purple Mark III e IV emerge in continuazione), però devo dire che il disco sprigiona una buona energia, e la voglia di ascoltarlo si sta mantenendo su buoni livelli. Certo, chi è in cerca di sonorità più oscure ed esoteriche rimarrà un po’ deluso, ma chi invece ricerca del buon modernariato musicale made in USA non rimarrà affatto deluso.

BRIEF COMMENT: The Order Of The Solar Temple‘s self titled debut is a good example of Hard Rock/Heavy Metal album in which most of the tracks are highly inspired by Deep Purple and Mercyful Fate. Nothing really new then, but it’s surely worth a listen.

Contatti: Facebook
Etichetta: I, Voidhanger Records
Anno di Pubblicazione: 2014
TRACKLIST: 01. Fallout Woman; 02. Aeon Of Horus; 03. The Cult (Of Rock And Roll); 04. Jervas Dudley; 05. Pale Horse; 06. Back Home; 07. Dominance And Submission; 08. The Order
Durata: 44:57 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.