THE UNCHAINING
“Ruins At Dusk”

Secondo album in caso The Unchaining, neonato, passatemi il termine, progetto di Atmospheric Black Metal che dopo aver pubblicato il debutto “Wandering Through The Landscapes Of Mind” in agosto, rilascia a pochi mesi di distanza questo crepuscolare “Ruins At Dusk”.

La one mand band dal Friuli Venezia Giulia propone un Black Metal atmosferico caratterizzato da chitarre graffianti arricchite da note di synth che si destreggiano abilmente tra toni epici e malinconici. Tutto ciò viene sostenuto da mid tempo rocciosi che sfociano spesso in parti lente e cadenzate dalle evidenti reminescenze Doom e che acuiscono l’aura nebbiosa e gelida che si scatena dai pattern. Esempio lampante di tutto ciò è “Lord Of The Autumnal Mists”, in grado di trasportarci immediatamente in territori sterminati e selvaggi, dominati da un’eterna distesa di foreste e ghiaccio evocati dalle chitarre incalzanti e rocciose. “The Awakening Of Fangorn” presenta degli echi quasi “silvani” e ancestrali ed è arricchita da un sommesso e nostalgico inserto acustico mentre nella strumentale “Shadow Vest” emerge il lato più corale e arcano di questo progetto. “Marching From Beyond” ha un’anima “bathoriana” che, grazie alle sue movenze maestose e audaci, trasuda di energia e potenza nonostante sia priva di drumming: bastano i fraseggi poderosi e crudi delle chitarre arricchiti da parti soliste drammatiche e cariche di tensione. Le tracce di “Ruins At Dusk” sono caratterizzate da un forte elemento introspettivo che si lega indissolubilmente al potere catartico dell’elemento naturale: una natura incontaminata, lontanta dagli umani affanni e capace di far ritrovare noi stessi e l’essenza delle cose. Un lavoro che nonostante le influenze riconoscibili dei Satyricon di “Dark Medieval Times” o dei Dimmu Borgir di “For All Tid”, mostra delle soluzioni personali interessanti e che pone The Unchaining tra le new entries più interessanti di questo 2013 nel campo del Black Metal atmosferico.

BRIEF COMMENT: “Ruins At Dusk”, second full length by The Unchaining, is heartily recommended for atmospheric Black Metal fans thanks to its epic and misty atmospheres enriched by powerful and harsh guitars in the vein of Bathory and Satyricon‘s “Dark Medieval Times” era.

Contatti: http://theunchaining.bandcamp.com
Etichetta: Self-released
Anno di pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Ruins At Dusk; 02. Lord Of The Autumnal Mist; 03. The Awakening Of Fangorn; 04. On Wintry Trails; 05. Marching From Beyond; 06. Shadow Vest; 07. Enshrined In Darkness
Durata: 32:43 min.

Autore: Nivehlein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.