THERION
“Gothic Kabbalah”

Non so sia stato già accennato in precedenza su qualche altra precedente recensione dei Therion, ma per me questo “Gothic Kabbalah” rappresenta il culmine della seconda parte della carriera della band svedese. Ben più degli ottimi “Lemuria” e “Sirius B”, “Gothic Kabbalah” riesce a plasmare e modellare tutte le varie intuizioni avute dal suo mastermind nel corso di questi ultimi anni, ed a riproporle in uno stile più fresco e moderno, creando anche un certo distacco dal classico suono sinfonico che ha sempre contraddistinto i Therion. Infatti, compaiono in questo disco numerosi riferimenti al Folk (la title-track) e al Gothic (la meravigliosa “The Perennial Sophia” con uno splendido duetto tra Katharina Lilja e Mats Leven), adottando un songwriting piuttosto elaborato che in certi casi potrebbe richiamare il Progressive (la stupenda suite conclusiva di “Adulruna Rediviva”). In generale, il suono è certamente meno potente rispetto al passato, con le chitarre che perdono la loro supremazia in fase di mixing, ma il complesso impasto vocale tra voci, cori ed altri strumenti è certamente più che ottimizzato. E’ inoltre fuor di dubbio che l’ispirazione di Johsson sia qui a livelli stellari, tirando fuori un primo cd veramente ottimo e senza cali, tirando fuori brani veramente killer come “Gothic Kabbalah”, “The Perennial Sophia” e “Son Of The Staves Of Time”, mostrando giusto un minimo di flessione nella parte centrale del secondo disco, che però possiede la lunga suite di “Adulruna Rediviva”, il vero capolavoro del disco. Tra l’altro, se non l’avete mai visto, vi consiglio di cercarvi su Youtube il video ufficiale, ottimamente realizzato da un gruppo italiano ed in pieno stile Steampunk. Insomma, “Gothic Kabbalah” è un disco certamente lungo e non facile da assimilare rapidamente nella sua interezza, ma per quanto mi riguarda, non ha nulla da invidiare alla triade dorata di “Lepaca Kliffoth”“Theli”“Vovin”.

BRIEF COMMENT: I know that it’s a personal opinion, but I think that this “Gothic Kabbalah” is the real masterpiece from the second part of the Therion’s career. More than the great “Lemuria” and “Sirius B”, “Gothic Kabbalah” was able to separate Therion from their typical Symphonic Metal, adopting a new and modern style, perhaps even less Metal, from which elements from Folk, Gothic and Progressive emerge strogfully. Beside that, Johnsson was totally inspired, and you can find a lot of great music inside..

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Nuclear Blast Records
Anno di Pubblicazione: 2007
TRACKLIST: CD 1 01. Der Mitternachtslöwe; 02. Gothic Kabbalah; 03. The Perennial Sophia; 04. Wisdom And The Cage; 05. Son Of The Staves of Time; 06. Tuna 1613; 07. Trul; 08. Close Up The Streams CD 2 01. The Wand Of Abaris; 02. Three Treasures; 03. Path to Arcady; 04. TOF – The Trinity; 05. Chain of Minerva; 06. The Falling Stone; 07. Adulruna Rediviva
Durata: 42:19 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.