THERION
“Theli”

Difficile dire se sia il qui presente “Theli”, o il seguente “Vovin”, a meritarsi la palma del miglior full length della carriera dei Therion. Personalmente, vi posso dire che il cuore mi dice “Theli”, essendo questo il primo lavoro ascoltato della band svedese, mentre la testa propende maggiormente per “Vovin”, a causa di quell’atmosfera più malinconica e riflessiva che ben si adattava all’idea musicale dei Therion. Comunque sia, riprendendo il filo della storia, i Therion riscossero un gran successo con “Beauty In Black”, cosa che permisi loro di poter avere anche un maggiore budget per la registrazione del nuovo disco, potendo così arruolare tutta una serie di cantanti lirici, per non parlare della presenza alle vocal di Dan Swano, permettendosi anche di avvalersi per la prima volta di una vera e propria orchestra, la The Bambek Symphony Orchestra. A questo si aggiunse un nuovo cambio di line-up per il ruolo di bassista, con Johnsson che chiamò il suo amico e socio nei Carbonized, Lars Rosenberg, a sostituire il defezionario Isaksson. Registrato ai Central Sound Studio di Amburgo, da un punto di vista stilistico “Theli” si pone perfettamente in scia al suo predecessore, con la differenza che qui tutto viene curato fin nei minimi dettagli. Ma la bellezza di “Theli” non è tanto nella produzione perfetta, o nel fatto che ci suoni un’orchestra in carne ed ossa, ma risiede semplicemente nei brani, tutti veri e propri classici in cui la commistione dell’Heavy Speed con le partiture orchestrali e i cori lirici funziona a meraviglia. Sarebbero da menzionare tutti, da “To Mega Therion” alle suggestioni orientaleggianti di “Cults Of The Shadow” a “The Desert Of Set”, passando per la bordata Speed di “Invocation Of Naamah”, fino ad arrivare alla dolcissima ballata di “The Siren Of The Woods”. La voce sgraziata di Johnsson si alterna in maniera meravigliosa a quelle più melodiche di Swano e di Wawrzeniuk, per non parlare poi del grande supporto dato dal North German Choir ed il Siren Choir, che vanno ad integrare ulteriormente la commistione tra Metal e la musica sinfonica.

“We Reach For Thy Lore
Thou Babylons Whore
Thou Scarlet Whore
Riding The Beast
Babalon
Lilith Through Naamah
Guardian Of Dreams
Let Thy Water Flow”

BRIEF COMMENT: Although “Theli” was musically pretty close to the previous “Lepaca Kliffoth”, in their fifth full length Therion had the opportunity to further refine their sound almost to perfection, giving birth to another masterpiece with a lot of unforgettable songs.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Nuclear Blast
Anno di Pubblicazione: 1996
TRACKLIST: 01. Preludium; 02. To Mega Therion; 03. Cults Of The Shadow; 04. In The Desert Of Set; 05. Interludium; 06. Nightside Of Eden; 07. Opus Eclipse; 08. Invocation Of Naamah; 09. The Siren Of The Woods; 10. Grand Finale/Postludium
Durata: 51:19 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.