TODESSTOß
“Ebne Graun”

Non so bene perché, ma se mi avessero chiesto cosa avrebbe potuto tirar fuori il buon Martin Lang dopo le tre lunghe tracce proposte nel precedente ed interessante lavoro “Hirngemeer”, avrei di sicuro scommesso sulla composizione di un solo lunghissima brano. Infatti, con questo “Ebne Graun”, traducibile vagamente come “il piano dell’orrore”, Martin si lancia in una piece teatrale, di circa tre quarti d’ora, in cui riversare completamente tutti i propri deliri ed incubi interiori. Aiutato dal vocalist Flesh Of L. e dal bassista Euer Gnaden, il pazzoide tedesco continua il proprio viaggio psichico attraverso quella mistura fatta di plumbee atmosfere Depressive, dove si sente davvero molto l’influenza dei grandissimi Bethlehem, soffocanti momenti Doom, sfuriate Black e brevi aperture melodiche in salsa Post-Rock, al fine di ricreare quella sensazione da teatro degli orrori che abbiamo imparato a conoscere fin dal precedente album. Invero, sebbene il lavoro in sé sia più che godibile nonostante la sua lunga durata, manca un po’ quell’effetto sorpresa presente nel precedente “Hirngemeer”. A livello di riff e delle voci stralunate, siamo più o meno sempre li, anche se si può riscontrare una maggiore fruibilità finale di ascolto nonostante la lunga durata. Certo, sarebbe interessante se ci riuscisse a portare l’opera a teatro, riuscendo magari ad unire la parte musicale con quella attoriale. Questa si che potrebbe essere una vera sfida per l’artista tedesco.

BRIEF COMMENT: After “Hirngemeer”‘s three long songs, Martin Lang and his project Todesstoß have come back with this “Ebne Graun”, a single track in which Depressive, Doom, Black and Post-Rock influences are combined to form a theatrical piece. Although it’s pretty close to the previous release, this album works very well, so I hope there’ll be the chance to adapted it for the stage.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: I, Voidhanger Records
Anno di Pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. Ebne Graun
Durata: 46:23 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.