VASSAFOR
“Promo MMX”

Poco meno di venti minuti per un viaggio di sola andata in dimensioni da incubo. Così potrebbe essere riassunta la nuova fatica dei Vassafor, nati dalla mente di V. Kusabs (ex Diocletian) e dal drummer B. Parker. Nonostante non abbiano mai pubblicato un full length, la band è attiva dal 1994 e questa release rappresenta la loro terza demo.

I due brani proposti, editi dalla Serpents Head Reprisal, presentano rimandi al sound dei Diocletian, sopratutto per quanto riguarda l’aura sulfurea, le vocals che sembrano emergere dagli abissi infernali, quasi inghiottite dal caos sonoro delle ruvide chitarre. A differenza della band sopracitata, i Vassafor indulgiano però maggiormente nei rallentamenti dalle reminescenze Doom unite ad un alone ritualistico-occulto che non abbandona mai le tracce.
L’atmosfera polverosa alimentata dal riffing viscoso e tetro ricordano il marciume sprigionato dai lavori dei primi Morbid Angel, come “Blessed Are The Sick”. Le improvvise accelerazioni dal mood bestiale risucchiano l’ascoltatore e lo trasportano da una bolgia infernale all’altra in un battesimo di marciume, e il lavoro, pur presentando solo due tracce, non cade assolutamente nella monotonia grazie alla loro struttura che non segue alcuno schema preciso e ai tempi dilatati. La massiccia dose di aggressività e furia primitiva, malcelata anche nei mid tempos, non è mai fine a se stessa ma viene sublimata in espressioni poco immediate ma dotate di una carica maggiormente angosciante.
I Vassafor sono un appuntamento irrinunciabile per gli amanti delle sonorità Black-Death più claustrofobiche e plumbee grazie a pezzi ispirati e ricchi di pathos che non cadono mai nel banale e nello “scopiazzamento” dei mostri sacri del genere.

BRIEF COMMENT: A must-have for Diocletian and Teitanblood fans, Vassafor’s “Promo MMX” will bewitch you with his filthy mood and his hypnotic and stormy patterns.

Etichetta: Serpents Head Reprisal
Anno di pubblicazione: 2010
TRACKLIST: 01. Sunya ; 02. Rites Of Ascension
Durata: 18:46 min.

Autore: Nivehlein