VOMIT OF DOOM
“Magnus Cruelty”

Si sa, l’abito non fa sempre il monaco, ma se arrivi dal Sudamerica e ti chiami Vomit Of Doom, non serve poi molta fantasia per ipotizzare che, con molta probabilità e con buona pace dei luoghi comuni, la tua proposta si basi su sonorità orgogliosamente old school che magari affondano le proprie radici in quel proto-Black Metal che nasceva negli anni ottanta. Questo è stato più o meno il mio pensiero quando mi è capitato tra le mani questo “Magnus Cruelty”, il nuovo EP del per me sconosciuto trio argentino di General Roca, che può comunque già vantare una discografia abbastanza corposa tra split, EP ed un full length uscito un paio d’anni fa. Questo mio presentimento si è in effetti visto confermato non appena è finita la breve “Totality. Intro” ed è partito il riff di “Black Metal Invasion”, perciò restava solo da valutare se la proposta dei nostri fosse o meno in grado di andar oltre il classico compitino senza troppe pretese che spesso molte band del genere finiscono per propinarci. Se state leggendo queste righe ovviamente vuol dire che questi argentini qualcosa in più ce l’hanno, e questo nonostante facciano poco o nulla per nascondere le prinicipali influenze del loro Black/Thrash, ovverosia i primi lavori di gruppi come Bathory, Sepultura, Blasphemy e Celtic Frost. L’evoluzione a tutti i costi e la velleità di suonare originali, come avrete certamente capito, non sono insomma proprio di casa da queste parti, ma il riffing proposto dai Vomit Of Doom è di quelli che coinvolge facilmente e che, tutto sommato, ti si stampa velocemente in testa, caratteristiche queste che, alla fin fine, per me fanno la differenza in sede di valutazione di questo tipo di uscite. Se poi aggiungiamo che la breve durata, neanche venti minuti, rende ancora più fruibile e scorrevole il tutto, un ascolto è quasi obbligatorio per gli amanti del genere.

BRIEF COMMENT: South America and Black/Thrash Metal, a bond renewed by Vomit Of Doom with their “Magnus Cruelty”, a nine tracks EP in which the band shows a pretty nice riffing in the vein of old Bathory, Sepultura, Blasphemy and Celtic Frost.

Contatti: Facebook
Etichetta: Symbol of Domination Prod., Morbid Skull Records, Metal Masala
Anno di pubblicazione: 2016
TRACKLIST: 01. Totality. Intro; 02. Black Metal Invasion; 03. No Divine; 04. Eternal Enemy; 05. Captor of Light (Interlude); 06. Shadow Of Tyranny; 07. Pest Of Tomorrow; 08. Sodoma Conquest; 09. Magnus Cruelty. Outro
Durata: 19:24 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.