WARNUNGSTRAUM
“Mirror Waters”

Nati nel 2009 su iniziativa del mastermind Bartlett Green e divenuti ben presto un duo con l’arrivo del cantante e, per questa occasione, batterista Cabal Dark Moon (già negli Obscure Devotion come anche Vox Mortuorum, guest al basso), prima dell’uscita del presente “Mirror Waters” i potentini Warnungstraum avevano alle spalle due full length incentrati su un tutto sommato ordinario Black Metal di chiara ispirazione norvegese che, in tutta sincerità, non mi han detto poi molto. L’essermi andato a sentire qualcosa di quelle due uscite mi ha però permesso di cogliere ed apprezzare pienamente la metamorfosi subita dal gruppo, che non ha di certo stravolto la sua natura, ma che è riuscito a tenere solo il meglio e ad usarlo come base su cui imbastire il nuovo corso. Infatti, più scorrono le note di questa terza fatica e più è impossibile non notare il netto passo in avanti fatto sia in sede compositiva sia a livello di produzione, con I quattro brani proposti che godono di una qualità sonora che gli dà finalmente piena giustizia, contribuendo ad evidenziare ancora di più la nuova anima che pulsa nei Warnungstraum. Se è infatti vero che il Black Metal rimane ancora ben presente, ciò che è riuscito a donare una nuova dimensione ai nostri è sicuramente l’ampio spazio dato a sonorità in bilico tra l’Ambient e l’atmosfericità. L’opener “Antarabhava” e la splendida “Narkissos”, che più che i gruppi scandinavi, salvo forse qualche vicinanza con i primi Dimmu Borgir, mi hanno ricordato i francesi Nehëmah e il loro ottimo “Requiem Tenebrae”, mostrano benissimo il nuovo volto della band, anche se sono le restanti tracce a rappresentare la vera e propria sorpresa, con le loro melodie di stampo Ambient che portano con se un mood tra l’etereo e il malinconico, con “The Gardens Of Yima” a richiamare alla mente il Burzum di “Dauði Baldrs”, “Hliðskjálf” o delle ultime release e “The Sad Singing Woods” a impreziosire il lavoro con il suo intenso finale diviso tra piano e orchestra in un meraviglioso crescendo d’emozioni. Insomma, qua c’è solamente da fare i complimenti ai Warnungstraum, una band che ha avuto il coraggio di mettersi in gioco e che ha saputo superare brillantemente questa prova creando una delle uscite italiane più interessanti dell’anno appena trascorso.

BRIEF COMMENT: “Mirror Waters”, third album by Warnungstraum, is an enchanting work in which the italian band manages to create both atmospheric Black Metal songs and intense Ambient tracks, showing they have gone one step further compared to their two previous full lengths. Surely one of the best italian releases of the last year.

Contatti: Facebook
Etichetta: Nykta Records
Anno di pubblicazione: 2014
TRACKLIST: 01. Antarabhava; 02. The Gardens Of Yima; 03. Narkissos; 04. The Sad Singing Woods
Durata: 38:29 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.